Perchè ................QUARRATA

Piazza Risorgimento - Monumento ai caduti
Piazza Risorgimento - Monumento ai caduti

Non ci sono nato, ma ci sono arrivato. Era l'anno 1970, mese di luglio, quando sono arrivato in Toscana e precisamente nel Comune di Agliana (residenza dei miei zii). A settembre ho iniziato a frequentare la 3^ liceo dell'istituto Liceo Scientifico "Duca d'Aosta" di Pistoia; poi, prima del Natale '70, ho traslocato nel comune di Quarrata avendo trovato casa in centro. Nel 1974 mi sono diplomato e nel settembre di quell'anno mi sono iscritto alla facoltà di Giurisprudenza. Nel 1975 ho iniziato a lavorare alle poste di Pistoia per un periodo di 4 mesi, come "agente straordinario"; qualcuno si domanderà cosa significa il termine agente straordinario. Il mio compito consisteva nel recapitare la posta più importante: [raccomandate, assicurate, telegrammi, contrassegni ect. ect.]. Nel 1976 stavo per essere richiamato alle Poste come "agente straord.", ma purtroppo ho dovuto rinunciare in quanto mi era statta recapitata da pochissimi giorni la cartolina precetto con destinazione C.A.R. (centro addestramento reclute) di Trieste. Era il 6 Aprile 1976; da quel giorno, per la durata di 12 mesi, ho girovagato un pò per l'Italia. Per 40 giorni sono stato alla caserma San Giusto di Trieste, con relativo terremoto del friuli (era il 6 Maggio '76, tardo pomeriggio, e mi trovavo nel cinema della caserma); ad un certo momento si sente un continuo tremolio delle poltrone ed alla parola "terremoto" è stato un fuggi - fuggi generale. E' stato uno dei giorni più brutti della mia vita; la notte l'abbiamo trascorsa dormendo vestiti in camerata, ma ad ogni scossa di assestamento era tutto un correre fuori all'aperto. Nella seconda quindicina di Maggio, sono stato inviato a Piacenza per fare il corso di "fuoribordista" ; questo corso consisteva nell'imparare a guidare dei motori (Evinrude 40 cv.) per barconi lunghi 7 metri che servivano come salvataggio per tutti coloro "i pontieri" che scivolavano in acqua durante il montaggio delle rampe sui gommoni spinti da motori (Johnson 70 cv.)  che servivano a trasportare i carrarmati sull'altra riva. Il corso di cui sopra, è durato due mesi; appena ottenuto il patentino, sono stato assegnato alla caserma "Passalacqua" del Genio Pionieri di Novara. Era esattamente il 22 luglio '76, giorno del mio compleanno; ricordo anche che quell'inverno abbiamo avuto una forte nevicata ed immaginatevi il freddo con quella mimetica addosso. A metà del mese di Gennaio '77 sono stato inviato per una emergenza, al C.A.R. di Como. Il calvario è durato oltre un mese. Si partiva la mattina dopo l'alza bandiera e si andava sul lago di Como; qui si doveva trasportare con i barconi gli operai della SNAM, in quanto questi dovevano ripulire dal petrolio tutte le darsene e le rive del lago (petrolio che si era riversato in acqua, a causa della rottura di un grosso tubo che dai monti (svizzeri) veniva giù ed si immergeva nell'acqua dello stesso lago. Non conoscevamo soste: mattino e pomeriggio / sabato e domenica, anche quando pioveva; il freddo che si è patito, non lo scorderò mai. Devo però ammettere che la città di Como è meravigliosa. Rientrato a Novara, io ed i miei compagni di sventura siamo stati premiati con una licenza premio e così sono potuto ritornare in Toscana (a casa mia e dai miei amici). Il 5 Aprile 1977 il tanto sospirato congedo. Subito dopo il periodo di ferma, ho trovato lavoro (dopo vari concorsi) in un Comune della provincia di Pistoia. A tutt’oggi svolgo le mansioni di Messo Notificatore, e per la sospirata pensione mancano ancora sei anni (se Dio vorrà).

Migliori Siti
Quarrata vista dal Montalbano
Quarrata vista dal Montalbano

Mappa di Quarrata

Mappa Quarrata

Segnala questa pagina ad un amico:

PageRank